lunedì 12 ottobre 2015

Essiccare, che passione!



Cos'è l'essiccazione?
L'essiccazione è uno dei più antichi metodi di conservazione del cibo ed è uno dei pochi metodi di conservazione che permette di mantenere inalterati i valori nutritivi degli alimenti. 
La disidratazione di frutta, verdura, funghi, erbe e tutto quello che ci suggerisce la nostra fantasia ci consente di conservare gli alimenti mantenendone pressochè intatte le componenti nutritive ed organolettiche come vitamine e sali minerali.
L'essiccazione ci permette di conservare frutta e verdura tipicamente estive, magari coltivate nel nostro orto e gustarle anche in pieno inverno.

Essiccare al sole o con l'essiccatore?
I cibi possono essere essiccati al sole oppure con appositi essiccatori.
Il metodo solare comporta qualche rischio per alcuni cibi che richiedono lunghi tempi di essiccazione, come i pomodori, in quanto presuppone che ci sia il sole ed un basso tasso di umidità nell'aria per parecchi giorni di seguito e richiede che i cibi in fase di essiccazione vengano ritirati all'asciutto durante la notte perchè l'umidità rischierebbe di formare muffe. Inoltre essiccare i cibi al sole richiede molto spazio ed è necessario che siano protetti dagli insetti e dalla polvere.

I miei pomodori essiccati al sole qualche anno fa

Gli essiccatori sono molto più pratici; sono apparecchi muniti di cestelli sui quali posizionare i cibi da essiccare con una ventola che immette aria calda a varie temperature a seconda del tipo di cibo.  Con l'essiccatore i tempi sono molto ridotti, i cibi sono al riparo da polvere e insetti, lo spazio necessario é minimo e non é necessaria la nostra attenzione durante la fase di essiccazione.

Essiccatore verticale o orizzontale?
Esistono essiccatori sia orizzontali che verticali.
Il flusso d'aria, leggermente riscaldata, ha la funzione di assorbire l'acqua dei cibi; nel caso degli essiccatori verticali, l'aria viene immessa dal basso verso l'alto, così che già ai primi cestelli si satura di umidità , impedendo la corretta essiccazione dei cibi posti nei cestelli superiori. Inoltre negli essiccatori verticali i cibi posti nei primi cestelli, se posizionati troppo fitti, impediscono all'aria di circolare correttamente verso i cestelli superiori.
Per questi motivi è sempre da preferire l'essiccatore orizzontale, che permette un'essiccazione più omogenea.

Cosa possiamo essiccare?
I cibi che si possono essiccare sono davvero tantissimi! 
Quando ho deciso di acquistare il mio essiccatore pensavo che avrei essiccato la frutta, la verdura (i pomodori, che adoro sott'olio, sono stati quelli che mi hanno convinta all'acquisto!) e qualche erba aromatica.
Quando ho iniziato ad usarlo mi sono invece resa conto che quello che si può fare con un essiccatore è davvero molto di più!
Si possono essiccare frutti come mele, banane, fichi, prugne, uva, ananas, pesche, mango, arance e verdure come pomodori, zucchine, peperoni, melanzane, sedano e zucche, ma anche funghi, pasta, erbe aromatiche come rosmarino, salvia, menta e origano e officinali come la calendula e la camomilla da utilizzare per fare gli oleoliti, scorze di arancia e di limone da triturare ed usare per aromatizzare i nostri piatti in cucina.
Ma non solo....con un essiccatore si possono fare le meringhe, le sfoglie di frutta o verdura, il dado vegetale granulare e persino crackers e fette biscottate!

Ora vi mostro alcune mie felici essiccazioni....


Fettine di banana in essiccazione
Banane essiccate

Fettine di mela in essiccazione
Mele essiccate
Mele essiccate al cioccolato
Banane essiccate al cioccolato
Cioccomele
Cioccobanane
Pomodori San Marzano
Pomodori in essiccazione
Pomodori secchi
Pomodori secchi sott'olio
Crackers ai semi di lino
Erbe aromatiche
Maggiorana
Menta

Scorza d'arancia
Calendula

E per finire una ricetta........una recente scoperta che mi ha lasciato senza parole......le meringhe vegane!


Non avrei mai pensato che si potessero fare le meringhe senza le uova, stentavo a crederci e invece, dopo aver provato sono rimasta senza parole....credetemi, il gusto è identico a quello delle meringhe tradizionali!
Si utilizza l'acqua di cottura dei ceci, che monta esattamente come l'albume dell'uovo e può quindi essere utilizzata per fare meringhe e mousse.

Ingredienti:
100 gr di acqua di cottura dei ceci
125 gr di zucchero a velo (zucchero grezzo di canna e amido di mais)
1 cucchiaio di succo di limone filtrato
1 cucchiaino di gomma di guar

Procedimento:
Montare l'acqua di cottura dei ceci fino a che non risulta bella corposa. 

Quindi aggiungere il succo di limone e lo zucchero e montare nuovamente per incorporarli. Aggiungere infine la gomma di guar, mescolare e, con l'aiuto di una sac a poche, formare le meringhe e posizionarle sui cestelli dell'essiccatore, rivestiti di carta da forno.


Azionare l'essiccatore e selezionare il programma a 60°. Le meringhe saranno pronte dopo circa 18-24 ore.

Questo qui sotto è l'essiccatore che ho io, l'ho acquistato dopo un lungo periodo di riflessione e dopo aver letto un bel po' di recensioni e opinioni su vari essiccatori in giro per il web......non è tra i meno costosi, ma vale davvero la pena fare questa spesa, credo sia tra i migliori essiccatori domestici. Io lo uso da circa un anno e mi trovo benissimo.
E voi essiccate i cibi? Usate l'essiccatore? Avete provato qualche ricetta particolare? Dai, condividete la vostra esperienza con l'essiccazione :-) 

18 commenti:

  1. Quanti consigli interessanti ed anche golosi....Grazie serena, buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabrina, buonanotte :-)
      Serena

      Elimina
  2. Conosco bene questa passione! Anch'io essicco di tutto, ti si apre davvero un mondo! Perfetto anche per il recupero degli scarti dell'estrattore...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bell'idea quella degli scarti dell'estrattore!
      Ciao Daria, buonanotte
      Serena

      Elimina
  3. !!! Mamma mia...adesso che mi hai fatto vedere le meringhe ultra light oltre che vegane...le faccio :D ahahahah! Tutti in famiglia ne andiamo matti...ma non le faccio da anni e non le acquisto...ora pero', quando cuocio i ceci so come utilizzare l'acqua! Grazie mille Serena!
    L'essicatore, ci sto facendo un bel pensierino...mi piacerebbe averlo, e' uno degli strumenti da cucina che per me e' essenziale, come il frullatore ad immersione!
    Cavoli...appena riesco a raccimolare, compro quello che hai preso tu!~
    Roby

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante cose buone da mangiare!! Mi hai fatto venire fame! :) Complimenti, brava!

      E' un ottimo sistema per la concervazione dei cibi, senza conservanti o additivi dannosi per l'ambiente, gli Animali e le persone.

      Elimina
    2. Ciao Roberta, anche io la prima volta che ho fatto le meringhe vegane sono rimasta stupefatta :D
      Per l'essiccatore anche io ci ho messo un bel po' prima di comprarlo, ma sono convinta che valga la pena spendere qualcosa in più per avere un prodotto valido e che duri nel tempo!
      Ciao, buonanotte
      Serena

      Elimina
    3. Ciao Roberto,
      già, uno dei più antichi metodi di conservazione dei cibi.......e quante cose golose si possono fare :D
      A presto
      Serena

      Elimina
  4. Ciao Serena!
    Premesso che io non amo particolarmente i cibi essiccati, a parte i funghi forse (che comunque preferisco freschi), penso che l'essiccazione sia un ottimo metodo di conservazione, per i motivi che hai elencato tu.
    Ma sono assolutamente sbalordita dalle tue meringhe vegane.... e fatte con l'essiccatore per di più... un'assoluta novità per me.
    Complimenti! =)
    Un abbraccio.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dani,
      queste meringhe sono state una vera sorpresa anche per me!
      Contraccambio l'abbraccio :-)
      Buonanotte
      Serena

      Elimina
  5. Ciao Serena,
    l'idea dell'essiccatore è da anni che mi attira... tu che lo usi, consuma tanta corrente? Ho visto che ci vogliono molte ore...
    Un caro saluto
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elisa,
      il consumo è piuttosto basso, tra 15W e 350W a seconda del programma e della fase in cui è il programma (la ventola mantiene la temperatura stabilita perciò non è sempre alla massima velocità).
      Il massimo del consumo è 480W per il programma a 68° quando la ventola è al massimo, ma la maggior parte di frutta e verdura si essicca a 40/50°.
      Anche io ci ho pensato per un bel po' prima di acquistarlo, ma ora ne sono davvero soddisfatta.....
      A presto, buonanotte
      Serena

      Elimina
  6. Ti ringrazio per tutte queste interessanti e utilissime informazioni sull'essicazione. In realtà, oltre all'utilità, sebbene non ne conosco il motivo, in me ha sempre stimolato particolare piacere la visione dei cibi essicati: quando vedo erbe e preparati simili, specie nelle erboristerie o nelle Abbazie monastiche, l'idea del druidismo mi affascina.
    Sono tornato!
    Un sorriso per il fine settimana.
    ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Bentornato.....passo presto a trovarti :-)
      Buona settimana a te!
      Serena

      Elimina
  7. Ciao Serena! Come stai? Ho da poco anche io l'essiccatore e sono felicissima dell'acquisto :) Temevo consumasse troppo, di usarlo poco, e invece mi sono dovuta ricredere! Tra le ricette che faccio più spesso ci sono i crackers con semi di lino e girasole, aromatizzati con cipolla e pepe nero, ma anche quelli con semi di lino, pomodori secchi e origano, golosissimi! Ora mi vorrei lanciare nella produzione di sfoglie di frutta, mi hanno regalato un libretto di ricette tutte con l'essiccatore, in francese... ho tanto ancora da imparare! Il modello che ho acquistato è un biosec, con 6 vassoi. Sono molto contenta di questa scelta perchè lo trovo più pratico rispetto a quelli tondi che ho visto in commercio, soprattutto per fare le sfoglie. Complimenti per le meringhe, sai che con l'acquafaba si possono fare anche i macarons? Io ancora devo provare! un bacione PS: il 14 novembre presento il libro a Genova, alle 16.30 da Tiger <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucy!
      Sto bene, anche se la mia voglia di "prendermela comoda" persiste, tenendomi un po' lontana dalla bloggosfera :-)
      Sarà che il tempo qui da noi è ancora piuttosto bello e quindi viene ancora voglia di vivere molto all'aria aperta......quando arriverà l'inverno probabilmente mi tornerà voglia di riprendere le attività blogghesche a pieno ritmo!
      Ho provato anche io a fare le sfoglie di frutta, ma con risultati non molto soddisfacenti :-( l'anno scorso avevo provato più volte quelle di cachi (avevo seguito le indicazioni di Le Delizie di Feli) e a forza di farle ero migliorata un po' ma quest'anno ci voglio riprovare ....credo che sbagliassi a stendere la frutta troppo sottile....Mi raccomando, se le fai documenta tutto che poi ti copio :D
      Ma dai, anche i macarons?!??!?? Questa scoperta dell'acquafaba è spettacolare! :D
      Ho visto su fb le foto della presentazione del tuo libro a Milano, complimenti!!!! Tanti auguri per la presentazione a Genova.....prima o poi spero di riuscire a venire anche io e finalmente conoscerti di persona :-)
      Un caro abbraccio
      Serena

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...