lunedì 31 dicembre 2018

Niente è più grande delle piccole cose


Stasera voglio condividere con voi un bellissimo brano estratto dall' ultimo lavoro teatrale di Simone Cristicchi, "Manuale di volo per uomo".
L'ho ascoltato oggi, letto dall'autore, ospite a Radio2 e mi è piaciuto moltissimo.
Questa la recensione dello spettacolo sul sito del distributore, Corvino Produzioni:


"Simone Cristicchi continua a stupire il pubblico teatrale con una nuova invenzione drammaturgica, stavolta ambientata nel mondo attuale. Una favola metropolitana ricca di emozioni, musica e poesia.
Nello spettacolo “Manuale di Volo per Uomo”, Cristicchi interpreta un quarantenne rimasto bambino, con un problema preoccupante: qualunque cosa guardino i suoi occhi - dal fiore di tarassaco cresciuto sull'asfalto, ai grandi palazzi di periferia - tutto è stupefacente, affascinante, meraviglioso!
Per molti è un “ritardato” da compatire, per alcuni un genio. Sicuramente è un tipo strano, che ama dipingere un mondo tutto suo, contare le lettere che formano le parole delle frasi, camminare lentissimo seguendo una sua indecifrabile traiettoria.
In realtà, Raffaello è un “Super-Sensibile”, e in quanto eroe possiede dei poteri speciali: la sua mente fotografica è dotata di una lente di ingrandimento che mette a fuoco i particolari, i dettagli che sfuggono agli altri esseri umani; cose minuscole e apparentemente insignificanti che nascondono però un’infinita bellezza, forse perché “niente è più grande delle piccole cose!”.
Nel racconto poetico e surreale del suo microcosmo, Raffaello descrive vicende minime ed universali del suo affollato quartiere, la grande città che fa paura, il paradiso della Ferramenta dove tutto è catalogato alla perfezione; e poi meccanici romantici, emarginati invisibili, terribili guardiani di garage.
Forse "volare" significa non sentirsi soli, avere il coraggio di buttarsi nella vita, mantenendo intatto il bambino dentro di noi.
E soprattutto non lasciarsi sfuggire la bellezza che ci circonda.
“Manuale di volo per uomo”: una mappa geografica dell’anima, che lo aiuterà a trovare il suo posto nel mondo."


«Credo nello sguardo della Gioconda e nei disegni dei bambini. Nell’odore dei panni stesi, del ciambellone e in quello delle mani di mia madre.
Credo che quando la barbarie diventa normalità, la tenerezza è l’unica insurrezione.
Credo che la vera gioia è riuscire a sentirsi parte di un paesaggio incantevole, pur non essendo altro che un granello di sabbia.
Credo che la lingua di Dio è il silenzio, e il suo corpo la Natura.
Credo che non siano le grandi rivoluzioni o le ideologie, ma i piccoli gesti a cambiare il mondo perché niente è più grande delle piccole cose.
Credo alla potenza del soffione, quel piccolo fiore selvatico che cresce ostinato tra le pieghe dell’asfalto e che anche tra mille difficoltà, riesce comunque a germogliare e a diventare fiore.
Credo che chi non vive il presente, sarà sempre imperfetto. Anche da trapassato.
Credo che la vera sfida è debuttare ogni giorno, tutto il resto è repertorio.
Credo che chi ha bisogno di nemici, non è in pace con se stesso.
E credo che non sia la bellezza che salverà il mondo, ma siamo noi che dobbiamo salvare la bellezza.
Credo che non bisogna cercare la felicità, ma solo proteggerla.
Credo che non c’è peggior peccato che non stupirsi più di niente e che tutta l’intelligenza e la cultura del mondo resti muta e si inchini davanti a questo grande mistero, al miracolo di questa vita che va avanti, nonostante tutto, che non si ferma, che si trasforma ogni secondo.
Perché la vita è l’unico miracolo a cui non puoi non credere.»



Il mio augurio per il nuovo anno, che è ormai alle porte, è questo:

che possiamo essere forti e fiorire come i soffioni selvatici, che crescono e fioriscono nonostante le mille difficoltà, 

che possiamo vivere il presente e sentirci sempre perfetti esattamente così come siamo, 

che possiamo continuare a meravigliarci del miracolo della vita e del suo trasformarsi ad ogni secondo,

che possiamo riuscire a vedere sempre la bellezza delle piccole cose, perché niente è più grande delle piccole cose!

Buon 2019!




6 commenti:

  1. Un augurio bellissimo e vero ...apriamo gli occhi e il cuore alle piccole ma grandi cose che la vita anno dopo anno ci riserva e se qualche volta incontriamo il dolore impariamo ad affrontarlo con pazienza e speranza come la natura insegna che sempre dopo la pioggia torna il sereno. Auguri di cuore cara Serena.
    Abbraccio
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gio!
      Sono d'accordo, dovremmo imparare ad accettare che la vita è anche dolore e che dovremmo affrontarlo con pazienza e speranza, ricordando che tutto è impermanente e che la vita va gustata momento per momento!
      Un caro abbraccio <3

      Elimina
  2. Bellissima canzone cara, grazie per l'augurio che contraccambio di cuore!

    RispondiElimina
  3. Ciao Serena e buon anno anche a te! Mi piace molto il tuo augurio e lo sento davvero molto mio! Un abbraccio!
    Daria

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...